Per abitudine, guardo dove non c'è proprio niente da vedere.
Per abitudine, guardo dove non c'è proprio niente da vedere.
Novità e trendFoto + Video

Fotografare con rullino: la mia spedizione negli abissi del mondo hipster

David Lee
David Lee
Zurigo, il 02.03.2018
Traduzione: Leandra Amato
Perché dopo 13 anni di fotografia digitale provo l’analogico, cosa ne è venuto fuori e cosa ho imparato.

In effetti, non avevo alcun motivo per fotografare con il rullino. Negli ultimi mesi, però, ho notato che nel mio ambiente, molti (soprattutto giovani) lo fanno. Ma perché? Ho ascoltato e letto le spiegazioni, ma non sono riuscito a capire del tutto. Allora, è giunto il momento, di provare per conto mio.

Preparazione: fotocamera, rullino, scanner

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Si parte. Compro un pacco da tre rullini e su Ricardo una fotocamera analogica per 18 franchi. Una Nikon F90 di inizio anni ’90 e sorprendentemente moderna. Ad esempio, possiede l’autofocus continuo, la misurazione continua di punti e matrici e i programmi di scena automatici. Nell’utilizzo è molto simile a una Nikon digitale. La differenza più importante: devo regolare il diaframma dell’obiettivo. Per questo motivo gli obiettivi senza ghiera dell’apertura funzionano correttamente solo in modalità S o P. Ma il mio standard da 50 mm ha ancora un anello di questo tipo. A proposito, è ancora possibile acquistare questo obiettivo.

Obiettivi
AF Nikkor 50mm f/1.8D - Importazione
164.74
Nikon AF Nikkor 50mm f/1.8D - Importazione

Import - Grazie alla sua compattezza e all'elevata intensità luminosa, è un obiettivo ideale per la fotografia di ritratti con un ottimo rapporto prezzo-prestazioni.

Scatto la prima foto e, per riflesso, guardo il retro della fotocamera per controllare lo scatto. Ci vuole quasi un intero rullino per sbarazzarmi di questa abitudine. È divertente non sapere se la foto è buona o no. Attendo con ansia il momento dello sviluppo.

Comincio a riflettere di più su quello che voglio fotografare. Dove vale la pena scattare e dove invece no? Mi capita un paio di volte di aver quasi scattato e poi pensare: beh, forse sarà un bello scatto, ma di scatti del genere ne ho già un centinaio. Dunque posso anche lasciar perdere.

Non sono i costi che mi spingono a comportarmi così, bensì il numero limitato di scatti e il carico di lavoro che ognuno di loro porta con sé: comprare rullini nuovi, portare le foto a sviluppare, riprenderle, scannerizzarle, ecc.

Il primo rullino

Dopo circa tre settimane, faccio sviluppare il primo rullino. Si presenta in una lattina, un pezzo unico; devo tagliarlo a strisce da solo. Scopro solo più tardi che il negozio di foto avrebbe fatto tutto, ma si deve comunicare esplicitamente.

Scannerizzo tutto come descritto qui.

*Alte Fotos digitalisieren:** So hat es bei mir geklappt
placeholder

placeholder

Con una sola eccezione, le foto sono tecnicamente a posto. Non sono né sfocate, né erroneamente illuminate o messe a fuoco.

Poiché sapevo che il rullino è più adatto a condizioni di luce intensa, ho scattato quante più foto possibili su ghiaccio, con neve e sole. Alcuni scatti son venuti davvero bene.

nessuna informazione disponibile su questa immagine
nessuna informazione disponibile su questa immagine

Nei ritratti, mi piace come il rullino rende i colori della pelle. Voglio fare più ritratti.

Con la luce artificiale, i colori sono raccapriccianti. Fortunatamente, lo sapevo già e ho scattato solo due foto con luce artificiale. Con il rullino, a differenza della fotografia digitale, il bilanciamento del bianco è determinato dalla pellicola. La maggior parte dei rullini è sintonizzata per la luce diurna e per il flash. Alla luce del neon tutto diventa verde, a lume di candela tutto diventa arancione. Se si scansiona l’immagine, è possibile correggerla un po', ma questo non è certo il punto di questo tipo di fotografia.

Il secondo rullino: bizzarro

Quando il film è finito, mi rendo conto che ne avrei avuto un altro in frigo. L'ho spostato tre volte nel frigo di un nuovo appartamento e l'ho dimenticato comunque. Ancora meglio: c'è una macchina fotografica a pellicola nello stesso frigorifero, ma una molto semplice: Olympus Mju II. Praticamente mai usata. E c'è anche un rullino.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

I due rullini sono scaduti nel febbraio 2013, secondo quanto scritto sulla confezione. Non ricordo di aver scattato delle foto con questa fotocamera e neanche con una fotocamera digitale (Sony DSC-HX5V) per poter confrontare. Poi ho perso interesse in questo esperimento e da allora il rullino è marcito nella macchina fotografica.

Ma adesso, grazie a questa idea, sono in grado di fare un confronto diretto tra analogico e digitale. Il confronto è difficile perché il rullino non è più così nuovo e, naturalmente, anche la fotocamera è rimasta allo stato di sviluppo anni ’90. Ma è ugualmente divertente da vedere.

Rullino
Rullino
Digitale
Digitale
Rullino
Rullino
Digitale
Digitale
nessuna informazione disponibile su questa immagine
nessuna informazione disponibile su questa immagine

Ingrandimento: a sinistra analogico, a destra digitale

Qui, il digitale vince chiaramente, anche se la fotocamera aveva uno zoom 10x, che non ha un effetto positivo sulla qualità dell'immagine. Ma come ho detto, il confronto è un po' complicato. La pellicola è vecchia e il mio metodo di scansione non è certo uno dei migliori.

Il terzo rullino: ancora più bizzarro

Mio padre, che è passato da tempo al digitale, mi ha dato tre rullini vecchi ma ancora inutilizzabili da usare durante il mio viaggio analogico. Data di scadenza: dicembre 2004.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Si può usare un rullino scaduto da 13 anni? Secondo Internet: no. Per il bianco e nero non ci sono problemi, poiché non presenta alterazioni di colori. Inoltre, i rullini sensibili sono più delicati, mi dice Internet, e naturalmente quelli che non sono stati conservati in condizioni refrigerate sono problematici. Il mio è un 200 ISO ed è stato conservato a temperatura ambiente, cosa molto sfavorevole. È un rullino a colori piuttosto scarso, anche se posso trasformare il colore in bianco e nero in qualsiasi momento. Sono un fotografo analogico digitale.

Provo e lo combino con altri esperimenti. Posso utilizzare il flash con questa fotocamera? Sì, posso. Non senza fili, ma collegato funziona. Il telecomando invece non fa nulla. In questo caso l’autoscatto è più pratico che nelle fotocamere moderne. Pulsante autoscatto e rotazione ruota = tempo limite impostato. Tasto autoscatto e tasto di scatto = avviare la registrazione con il tempo di anticipo corrispondente.

Posso collegare uno qualsiasi dei miei obiettivi Nikon, ma gli angoli e i bordi delle lenti DX rimangono neri.

I rockettari di oggi indossano le adilette
I rockettari di oggi indossano le adilette

Il mio Tele è adatto al formato intero, ma non ha un anello di apertura. Finché sono in modalità S o P, questo obiettivo funziona perfettamente. Ma: ora in inverno non è mai abbastanza luminoso per «sparare l’uccello» con un 200 ISO.

Con la foto sopra l’ho già anticipato: il rullino di circa 15 anni fa è ancora molto utile. Si può vedere cosa c'è su di esso e i colori sono più o meno corretti, con una leggera tendenza al rosso. I colori vengono corretti automaticamente dal mio software di scansione, quindi potrei non notare alcuna falsificazione. Tuttavia, il rullino ha un mirino molto forte per un 200 ISO. Forse questo rumore deriva dal fatto che il software di scansione deve correggere di più.

Riesco a rimuovere il rumore con il software. Ora posso dirlo: la foto qui sopra, che mostra il pacchetto con la data di scadenza, è stata scattata con il rullino di questo stesso pacchetto. Non male, vero?

Ho illuminato le foto di un grado in più. Questo è stato anche consigliato su molti forum online quando si tratta di rullini vecchi. Ovvio, una qualità di immagine perfetta è un’altra cosa. Ma non si tratta di questo. Se si pone valore su ciò, allora meglio la fotografia digitale.

Un fascino difficile da spiegare

Qui inizi a chiederti di cosa si tratta: non è facile da spiegare. Da un punto di vista puramente tecnico, ritengo che la fotografia analogica sia oggi del tutto inutile. Tuttavia, molti artisti scattano ancora foto analogiche. È più rischioso, strambo, diverso. Dopo tutto, l’arte può e deve ignorare il dominio totale della ragione. Non intendo dire che i miei espedienti siano arte. Si tratta solo di scoprire che cosa ci sia di divertente nella fotografia analogica.

Nonostante (o a causa di?) tutte le complessità, mi affascina fotografare con il rullino. Certamente ha a che fare con il fatto che mi piace provare cose strane per soddisfare la mia curiosità. Inoltre, sono sempre felice quando i dispositivi vecchi di dieci anni funzionano ancora perfettamente.

Un altro punto: quello che è limitato è prezioso. Quello che è prezioso, piace. Un effetto semplice, ma funziona.

La fotografia analogica è sensuale e concreta. Questi imballaggi colorati dei rullini innescano un’avidità simile a quella dei must-have come Smarties. Il rotolo del rullino, il rullino stesso, le strisce sviluppate, le stampe, la scansione. Tutto questo è concretamente e sensualmente percepibile, molto diverso dal digitale. Quanto più ci si sposta, tanto più sensuale diventa, fino all'autosviluppo e alla puzza di sostanze chimiche.

Allo stesso tempo, però, mi rendo conto che non voglio scattare foto analogiche per sempre e certamente non voglio rinunciare al digitale. Non vedo alcun vantaggio reale a lungo termine. Il digitale è diventato troppo forte in termini di qualità dell’immagine e di efficienza.

Come sempre con la tecnologia retrò: mi piace solo quando posso usarla, ma non devo farlo. Da giovane adulto, non ho scattato foto analogiche perché mi piaceva farlo, bensì perché non c'erano alternative. Naturalmente, ero soddisfatto dei vantaggi della tecnologia digitale. Questo vale anche per le cassette musicali: non c'era nient'altro, ma nessuno era davvero entusiasta. Non appena hai potuto masterizzare CD o scaricare MP3, è diventata una cosa di culto, nostalgicamente trasfigurata in hipster e cool.

L’effetto didattico della fotografia analogica

Spesso si sostiene che la fotografia analogica ti faccia lavorare più consapevolmente invece di scattare senza pensarci, e questo è il miglior modo per fare dei progressi. Posso capirlo, l’analogico da solo non fa di te un buon fotografo. La mia nozione in breve:

Il «come» lo imparo meglio in modo digitale, il «cosa» analogico.

Con una fotocamera digitale posso scoprire molto più velocemente come realizzare un’idea nel modo giusto. Riesco a vedere immediatamente sullo schermo come certe impostazioni e condizioni di illuminazione si influenzano a vicenda e posso apportare delle modifiche. Anche con le foto scattate da tempo ho tutti i dati di ripresa come l’apertura, il tempo di esposizione o la modalità di fotocamera e posso trarne degli insegnamenti. Gli errori non costano nulla, al contrario, mi migliorano.

Questi vantaggi della fotografia digitale sono allo stesso tempo svantaggi. Corro il rischio di concentrarmi troppo sul «come» e troppo poco sul «cosa». Ho sempre pensato troppo poco a quello che vale la pena fotografare. Il risultato: tonnellate di foto che possono essere belle, ma alla fine foto di cui il mondo non ha bisogno. Questo mondo è inondato di immagini. Quando vedo quante foto paesaggistiche vengono caricate ogni giorno su Instagram; devo davvero aggiungerne altre? Quali sono le più belle? Quali le più brutte?

nessuna informazione disponibile su questa immagine
Carina, ma non cela un ricordo e quindi inutile

Non raccomanderei a un principiante di iniziare direttamente ed esclusivamente con il rullino. In primo luogo lui o lei ha bisogno di imparare il mestiere. Questo include anche quando non deve nemmeno estrarre la fotocamera per scattare: perché la luce non è buona, la scena è troppo lontana o perché tutto sta andando troppo veloce. In questo modo si riduce il numero di scarti anche con la fotografia digitale. Ma allo stesso tempo, però, dobbiamo anche occuparci dei contenuti, e il rullino è una buona misura disciplinare.

nessuna informazione disponibile su questa immagine
Una foto non deve essere perfetta per avere valore. Nonostante la sfocatura, questa foto cattura molto bene l’atmosfera delle vacanze e richiama bei ricordi.

Allora, cosa vale la pena di fotografare? Domanda difficile! Solo questo: le foto che catturano ricordi, come quelle di amici o parenti, sono sicuramente preziose, non devono essere tecnicamente perfette. Le foto delle vacanze non devono riportare il paesaggio in modo spettacolare e ad altissima risoluzione, ma possono anche servire a ricordare un certo momento. Catturare un momento fugace è importante. Un fiore perfettamente fotografato, invece, non interesserà più a nessuno tra 20 anni, perché sarà sempre lo stesso e si potranno scattare foto migliori tra 20 anni.

Prossimamente voglio provare anche un rullino bianco e nero e più tardi magari un rullino a diapositive.

A 40 persone piace questo articolo


David Lee
David Lee
Senior Editor, Zurigo
Il mio interesse per il mondo IT e lo scrivere mi hanno portato molto presto a lavorare nel giornalismo tecnologico (2000). Mi interessa come possiamo usare la tecnologia senza essere usati a nostra volta. Fuori dall'ufficio sono un musicista che combina un talento mediocre con un entusiamso eccessivo.

Potrebbero interessarti anche questi articoli