L'interfaccia utente EMUI è bella, ma ha delle pecche.
L'interfaccia utente EMUI è bella, ma ha delle pecche.
Retroscena

Migliora il look delle tue icone EMUI di Huawei

Dominik Bärlocher
Dominik Bärlocher
Zurigo, il 30.09.2016
Traduzione: Alessandra Ruggieri De Micheli
Huawei produce degli hardware pazzeschi. I dispositivi sono ben fatti, con un design pulito e ben rifinito, non sono certo cianfrusaglie di plastica; ciò è palpabile per chiunque tenga in mano un Huawei. L’unica pecca? L’interfaccia EMUI, che ha dei dettagli veramente bruttini. Oggi vi mostrerò un trucchetto per migliorare la vostra esperienza utente Android, rendendola più pulita.

Huawei, che è partita come fenomeno marginale, negli ultimi anni è riuscita ad uscire dal bozzolo, ottenendo un ruolo fondamentale nel mondo Android. Nel 2012 l’azienda, che è stata fondata nel 1987, è riuscita a rimpiazzare Ericsson come principale produttore di articoli di elettronica su scala mondiale. Tutto ciò è stato possibile grazie alla produzione di ottimi dispositivi, ma anche grazie a strategie marketing particolarmente intelligenti e ad una postazione unica sul mercato interno cinese.

Warum ist *Gold** so wichtig für das iPhone?
placeholder

placeholder

Quando si tiene in mano uno smartphone Huawei e lo si guarda bene, la prima cosa che si pensa è che i designer della ditta di Shenzhen, Guangdong, sono affascinati da Apple e dal design della ditta di Cupertino. Soprattutto nella serie Honor si nota una spiccata ispirazione al design della Mela.

5c (16GB, Grigio, 5.20", Doppia SIM Ibrida, 13Mpx, 4G)
Honor 5c (16GB, Grigio, 5.20", Doppia SIM Ibrida, 13Mpx, 4G)
16
8 (32GB, Blue, 5.20", Doppia SIM Ibrida, 12Mpx, 4G)
Honor 8 (32GB, Blue, 5.20", Doppia SIM Ibrida, 12Mpx, 4G)
5c (16GB, Oro, 5.20", Doppia SIM Ibrida, 13Mpx, 4G)
Honor 5c (16GB, Oro, 5.20", Doppia SIM Ibrida, 13Mpx, 4G)
14

Prendi il colore e riempi il quadrato

Le ispirazioni ad Apple si notano anche utilizzando il dispositivo. Infatti, come molti altri produttori Android, anche Huawei ha sviluppato un’interfaccia utente per il sistema operativo Android. Huawei chiama la sua interfaccia EMUI e attualmente è arrivata alla versione 3.1. La struttura del menù è praticamente identica a quella della Mela.

nessuna informazione disponibile su questa immagine
I menu dell’interfaccia utente EMUI

Il problema principale che risulta da questa Apple-izzazione, o l’unica cosa non bella, sono le icone. Infatti, le icone Android sono irregolari, mentre quelle di Apple si contraddistinguono da un quadrato con angoli arrotondati.

Huawei ha reagito nel modo seguente: ha deciso di proporre anche lei icone quadrate con gli angoli arrotondati e ha semplicemente colorato lo sfondo trasparente delle icone Android con uno dei colori dominanti dell’icona. Il risultato, chiaramente, il più delle volte è decisamente bruttino.

Il trucco che in realtà non è un trucco

Per fortuna Android è open source. Ciò vuol dire che ognuno può avere una copia del codice sorgente del sistema operativo e può rielaborarlo. Adnan Ali, un codler del forum tuttofare di Android xda-developers ha pubblicato un pacchetto di icone chiamato PureIcons.

Questo pacchetto di icone non accede alla struttura profonda del sistema operativo, ma utilizza solo una funzione dell’interfaccia EMUI che Huawei ha lasciato deliberatamente aperta. In ogni caso non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali danni o altro al tuo telefono. In generale, prima di iniziare, fai un backup di tutte le tue foto e di altri contenuti.

Sei pronto? Si parte:

  1. Scarica PureIcons
  2. Collega il tuo telefono via USB al tuo PC
  3. Trascina il file Pure.hwt nella cartella HWThemes (Temi) sul tuo telefono
  4. Apri l’app Themes (Temi) sul tuo telefono
  5. Seleziona i tuoi temi attuali e clicca su Customize (Personalizza)
  6. Sotto Icons (Icone) scegli il tema Pure
  7. Clicca sul segno di spunta in basso a sinistra
  8. Fatto!
nessuna informazione disponibile su questa immagine
Icone EMUI rielaborate e sostituite con PureIcons.

Con PureIcons non vengono sovrascritte tutte le icone, ma l’interfaccia risulta comunque più tollerabile. Lo sviluppatore Ali deve sostituire ogni singola icona e le 2.4 milioni di app del Google Play Store non sono proprio poche. Troppe per un progetto a cui dedicarsi nel tempo libero.

A 8 persone piace questo articolo


Dominik Bärlocher
Dominik Bärlocher
Senior Editor, Zurigo
Giornalista. Autore. Hacker. Sono un contastorie e mi piace scovare segreti, tabù, limiti e documentare il mondo, scrivendo nero su bianco. Non perché sappia farlo, ma perché non so fare altro.

Potrebbero interessarti anche questi articoli